ciclone italia germania
Ricostruzione video di EUMETSAT Users

Ha colpito la Germania e il Belgio ma ora il ciclone si sta spostando verso l’Italia. Come riporta Il Messaggero tante zone delle 2 nazioni europee sono state travolte dalla furia dei corsi d’acqua. Danni causati da piogge torrenziali mai così intense da un secolo. Ad ovest della Germania i morti sono stati più di cento e i dispersi sono stati almeno 1300. Una tragedia che la cancelliera Angela Merkel è stata costretta all’inizio a vivere lontano dalla Germania, a Washington, preparandosi ad un bilancio di vittime più grave. Dopo che ha colpito l’Europa centrale si sta portando proprio sull’Italia.

LE PREVISIONI PER IL WEENEND

Oggi il maltempo si concentrerà invece all’estremo Sud, e in modo particolare su Sicilia e Calabria. La zona più colpita sarà quella delle isole Eolie, del messinese e della Calabria centro-meridionale, dove avremo fino a 90mm di pioggia e, anche qui, numerosi tornado e forti grandinate. Le temperature caleranno, massime a +25°C e minime sotto i +20°C sulle coste dell’estremo Sud, circostanza molto rara in piena estate.

ALLERTA METEO IN CAMPANIA

La #protezionecivile della Regione Campania ha prorogato l’avviso di allerta meteo con criticità idrogeologica di colore Giallo già in vigore su tutta la Campania per piogge e temporali fino alle 23.59 di domani, lunedì 19 luglio.

La perturbazione, infatti, insisterà per ulteriori 24 ore sul territorio regionale: per tutta la giornata di oggi e di domani si prevedono rovesci e temporali, localmente anche intensi con possibili raffiche di vento nei temporali.

I fenomeni temporaleschi saranno caratterizzati da una incertezza previsionale e rapidità di evoluzione, con danni alle coperture e strutture provvisorie dovuti a raffiche di vento,. Possibili fulmini e grandinate.​

A questo quadro meteo è connesso un rischio idrogeologico per temporali di livello Giallo con possibili:

– Ruscellamenti superficiali con possibili fenomeni di trasporto di materiale;

– Inondazioni delle aree limitrofe a corsi d’acqua anche per effetto di criticità locali (tombature, restringimenti, ecc);

– Allagamenti di locali interrati e di quelli a pian terreno;

– Scorrimento superficiale delle acque nelle sedi stradali e possibili fenomeni di rigurgito dei sistemi di smaltimento delle acque meteoriche con tracimazione e coinvolgimento delle aree urbane depresse;

– Caduta massi ed occasionali fenomeni franosi, anche in assenza di precipitazioni

– Caduta di rami o alberi

La Protezione Civile della Regione Campania raccomanda agli enti competenti di mantenere in essere tutte le misure atte a mitigare e contrastare i fenomeni attesi, sia in ordine al dissesto idrogeologico che alle sollecitazioni dei venti.

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.