Dal 1 settembre Green Pass obbligatorio su treni, navi, aerei e bus: le nuove regole da seguire

L’uso del green pass diventa obbligatorio da mercoledì 1° settembre per i trasporti a lunga percorrenza (treni, navi, aerei, autobus), come stabilito dal decreto legge adottato dal governo il 6 agosto scorso. Le nuove norme, salvo altra disposizione, sono valide fino al 31 dicembre 2021.

Ecco una guida sulle nuove regole, a partire dai treni, dove l’obbligo di avere il green pass riguarda gli Intercity, Intercity Notte e Alta Velocità, cioè tutte le Frecce di Trenitalia e Italo. Niente certificazione verde obbligatoria, invece, per i treni regionali, anche se questi effettuano servizio tra regioni diverse.

Resta invariato l’obbligo di Green Pass (in vigore già dal 6 agosto) per mangiare e bere seduti a un tavolino al chiuso di bar e ristoranti, andare al cinema, a teatro o a una mostra, assistere a gare ed eventi sportivi, allenarsi in piscina e palestra, rilassarsi in una spa, partecipare a sagre, fiere, convegni e congressi, svagarsi in parchi tematici e di divertimento, entrare in sale gioco, bingo, scommesse e casinò, partecipare a concorsi pubblici o alle attività al chiuso di centri culturali e ricreativi

𝗧𝗥𝗘𝗡𝗜

La capienza sui treni sarà dell’80% sia in zona bianca sia in quella gialla (fino al 31 agosto è del 50%). I treni Italo di Ntv viaggiano a capienza massima perché sono dotati di filtri che garantiscono un ricambio continuo e completo dell’aria. È obbligatorio avere sempre la mascherina chirurgica o la ffp2, tranne quando si mangia o si beve, al proprio posto senza alzarsi. Sui treni regionali o interregionali invece non andrà esibito il Certificato verde. Sono esclusi quindi ad esempio i pendolari. Qualora il treno attraversi due regioni, anche se di colore diverso, per salire in carrozza non ci sarà bisogno del Pass, ma sarà necessario per poi muoversi all’interno di un territorio qualora fosse zona arancione o rossa.

𝗔𝗘𝗥𝗘𝗜

Green pass obbligatorio anche per tutti i voli nazionali. Una sola dose di vaccino non basta, però, per viaggiare in Ue, in Italia invece sì. La certificazione verde in Europa ha infatti validità solo 14 giorni dopo aver concluso il ciclo vaccinale. Fuori dall’Ue, invece, le regole cambiano da Stato a Stato. Così dal 1° settembre per viaggiare in Italia servirà aver ricevuto almeno una dose di vaccino, o essere guariti dal covid, oppure avere il certificato di tampone negativo eseguito nelle 48 ore precedenti. Sugli aerei, dove la capienza è del 100%, è richiesto di indossare la mascherina chirurgica o la ffp2.

𝗔𝗨𝗧𝗢𝗕𝗨𝗦, 𝗡𝗔𝗩𝗜 𝗘 𝗧𝗥𝗔𝗚𝗛𝗘𝗧𝗧𝗜

Il green pass sarà obbligatorio per i pullman che svolgono un servizio “in modo continuativo o periodico su un percorso che collega regioni diverse”. Obbligo anche per gli autobus adibiti a servizi di noleggio con conducente, ma sono esclusi quelli impegnati nei servizi aggiuntivi di trasporto pubblico locale e regionale. La capienza sarà dell’80% sia in zona bianca sia in quella gialla. È obbligatoria la mascherina chirurgica o la ffp2 a bordo. Sempre dal 1° settembre il green pass sarà obbligatorio per viaggiare su navi e traghetti che effettuano trasporto interregionale. Unica eccezione è lo Stretto di Messina: pur spostandosi tra la Sicilia e la Calabria, non servirà il certificato verde. Se il traghetto collega due luoghi della stessa regione non sarà necessario.

𝗧𝗥𝗔𝗦𝗣𝗢𝗥𝗧𝗢 𝗣𝗨𝗕𝗕𝗟𝗜𝗖𝗢 𝗟𝗢𝗖𝗔𝗟𝗘

Nessun obbligo di green pass, invece, sui mezzi del trasporto pubblico locale. Metropolitane, autobus urbani e regionali sono infatti esclusi dalle nuove regole introdotte dal decreto del governo. La capienza sarà dell’80% sia in zona bianca sia in quella gialla. È obbligatorio l’uso della mascherina chirurgica a bordo. Torna il controllore su autobus, tram, treni urbani e metropolitane: l’addetto non dovrà verificare solo il biglietto, ma sarà responsabile anche della corretta applicazione delle norme anti contagio (capienza limitata, distanziamento e mascherine). Anche i taxi sono considerati come trasporto locale e quindi possono essere utilizzati anche senza obbligo di green pass, purché vengano rispettate le altre misure anti contagio. È obbligatorio indossare la mascherina e sedersi sul sedile posteriore e mai a fianco del tassista.

𝗦𝗖𝗨𝗢𝗟𝗔

Il personale scolastico – e dunque prof, bidelli, personale tecnico e amministrativo, segretari, dirigenti scolastici – sarà obbligato, sempre dal 1° settembre, a esibire il Green Pass. Solo i soggetti fragili avranno diritto a tamponi gratuiti a carico del ministero dell’Istruzione e dunque dello Stato. Per tutti gli altri, in assenza di Certificazione verde, dopo 5 giorni di assenza ingiustificata scatterà la sospensione del rapporto di lavoro e dello stipendio.

𝗢𝗧𝗧𝗘𝗡𝗘𝗥𝗘 𝗜𝗟 𝗖𝗘𝗥𝗧𝗜𝗙𝗜𝗖𝗔𝗧𝗢 𝗩𝗘𝗥𝗗𝗘

Il Green Pass si può ottenere già dopo la somministrazione della prima dose di vaccino e ha validità dal quindicesimo giorno successivo fino alla data prevista per la somministrazione della seconda dose (nel caso di vaccino a doppia dose). La certificazione verde ha in ogni caso una validità di nove mesi dal completamento del ciclo vaccinale. Può essere rilasciata anche in caso di guarigione dall’infezione da Sars-CoV-2 (validità 6 mesi) o di effettuazione di un test molecolare o antigenico rapido con risultato negativo al virus Sars-CoV-2 (con validità 48 ore).

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.