Militare accusato di abusi sulla figlia di 9 anni: in macchina mutandine da bambina e dvd

Roma. Anni di violenze subite in caserma dal padre: questa l’accusa di una 14enne dei confronti di un maresciallo dell’esercito di 38 anni. A confermare le “devianze” dell’uomo ci sarebbero delle prove inconfutabili ritrovate all’interno dell’auto all’indomani del suo arresto. Due dvd pedopornografici dai contenuti espliciti e mutandine di bambina.

A denunciare l’accaduto è stata la stessa vittima che, in una lettera ha raccontato i suoi ricordi. La 14enne, con i suoi due fratelli, sono ospiti di una casa famiglia dopo essere stati allontanati dalla coppia di genitori – entrambi arruolati – perché considerati non adeguatamente presenti nella vita dei figli. Inoltre, secondo quanto riporta Il Messaggero, i bambini erano costretti ad assistere a continui litigi e alle violenze quotidiane tra i due genitori vicini alla separazione.

L’uomo adesso si difende e parla di “fantasie” della bambina, ma gli assistenti sociali che stanno seguendo il caso non sono della stessa opinione. L’uomo è tuttora detenuto dopo che il Riesame ha rigettato la richiesta di scarcerazione.