Ospedale Pellegrini fuori controllo: schiaffi dopo gli spari, infermiere colpito

“Alle ore 19.40 di venerdì 17 maggio, quando i muri del pronto soccorso erano ancora caldi dopo la sparatoria di ieri ,non si arresta la scia di violenza che da un po’ di tempo a questa parte sta colpendo tutti i nosocomi napoletani ed in particolare il Vecchio Pellegrini.
Sembra infatti che una mamma un po’ troppo “apprensiva” abbia preso a schiaffi l’infermiere di triage poiché stanca di aspettare la visita per il figliuolo”. A lanciare l’allarme è stata la pagina Facebook dell’omonima associazione “Nessuno Tocchi Ippocrate”

“La signora era stanca, noi invece siamo esausti. La voce del personale di Pronto soccorso e del personale dell’emergenza è unica: ‘se trovo altra occupazione vado via, non posso rischiare di morire per queste bestie'”

“Il nostro appello – concludono – va al ministro Giulia Grillo ed al ministro Matteo Salvini: ‘Vogliamo attuare almeno una delle soluzioni proposte dalla nostra associazione ,oppure stiamo pazientemente aspettando il morto per agire? Tenete conto che molti professionisti sanitari hanno un contratto a 6 mesi o annuale, e nonostante ciò rischiano la vita quotidianamente lasciando cosa ai figli ? Una divisa sporca di sangue?’.