Pizza con le detenute: l’iniziativa per la festa delle donne nel carcere femminile di Pozzuoli

E’ stata una “Festa delle donne” che non dimenticheranno tanto facilmente le detenute del carcere Femminile di Pozzuoli che oggi hanno partecipato alla “pizzata” organizzata dalla “Pizzeria Rione Terra” in collaborazione con la parrocchia “Santa Maria della Consolazione”. Oltre 200 pizze margherita sono state cucinate nel forno a legna del carcere e servite ad altrettante detenute che per un giorno hanno potuto riassaporare la tradizione della vera pizza napoletana.

La manifestazione, denominata “8 marzo: una margherita per le donne”, è il frutto di una sinergia tra chiesa e imprenditoria locale finalizzata alla socializzazione e all’integrazione.

«Abbiamo voluto regalare una giornata alle detenute nel giorno della festa delle donne. -spiega Padre Pier Paolo Mantelli, parroco della chiesa “Santa Maria della Consolazione” – Seguiamo le linee di don Fernando Carannante e facciamo del nostro meglio per dare loro un sostegno con diverse iniziative tra i quali il corso di lettura portato avanti dalla nostra operatrice Francesca Di Bonito».

Le pizze sono state offerte e servite dallo staff della “Pizzeria Rione Terra” insieme a un gruppo di volontari che hanno fornito la materia prima, realizzato gli impasti e servito ad ogni donna (personale carcerario compreso) le pizze. «Il nostro obiettivo era quello di regalare una giornata di socialità all’insegna del buon cibo e della tradizione napoletana. Vista la buona riuscita dell’evento l’anno prossimo riproporremo questa iniziativa» conclude Massimo Avallone, titolare della Pizzeria “Rione Terra”.