Proteste anti-lockdown ad Arzano, in piazza anche alcuni pregiudicati

Rivolta contro il lockdown ad Arzano. Ancora un sit it di protesta oggi ad Arzano contro la decisione dei commissari prefettizi di adottare misure più stringenti per contrastare il contagio da Covid. La gente è scesa in piazza per protestare contro la decisione e tra la folla sono apparsi anche alcuni noti pregiudicati della zona che hanno iniziato ad inveire contro alcuni giornalisti lì presenti chiamati a raccontare la protesta dei cittadini.

La protesta contro il lockdown ad Arzano

Da ieri mattina i titolari degli esercizi commerciali di Arzano sono in protesta con tanto di blocco della Rotonda di Arzano. Bloccato, dunque, uno degli snodi viari più importanti per l’area Nord di Napoli. «Lo abbiamo detto alla commissaria: se devono chiudere i negozi e le altre attività, allora si decretasse Arzano zona rossa evitando a tutti di uscire. La decisione assunta penalizza solo noi perché i cittadini sono liberi di uscire e di spendere altrove», afferma Giovanni Di Giorgio della profumeria Tentazioni di via Napoli e tra i principali referenti dell’associazione dei commercianti di Arzano.

La proposta dei commercianti

La proposta dei commercianti di Arzano è quella di consentire l’apertura delle varie attività ad orari scaglionati a seconda della tipologia. Le novità sono attese in serata e nel frattempo la protesta degli esercenti, sostenuti dalla cittadinanza, prosegue. La chiusura delle attività  può essere intesa a tutti gli effetti come un mini lockdown. E’ il primo nel territorio di Napoli e provincia da quando la cosiddetta seconda ondata di Coronavirus ha preso piede in Italia e in Europa.

Alcune decine di commercianti stanno bloccando la rotonda di Arzano, strada nevralgica per l’accesso al centro a nord di Napoli, per protesta contro il mini lockdown scattato da oggi. Fino al 23 ottobre, prossimo infatti, su decisione della commissione straordinaria che amministra il Comune, resteranno chiusi scuole, cimitero e negozi ad eccezione di quelli di generi di prima necessità. Un provvedimento adottato alla luce dell’impennata di contagi da Covid. Sospese tutte le manifestazioni ed eventi pubblici, il mercato settimanale, tutte le attività sportive e dei centri anziani.

Per seguire tutte le notizie collegati al nostro sito oppure vai sulla nostra pagina Facebook