Tentano di acquistare smartphone con assegni falsi, beccati due napoletani

Sono entrati in un negozio di telefonia del centro con l’intenzione di acquistare diversi telefoni cellulari pensando di pagare con un assegno falso. Il loro piano però è stato smascherato dai Carabinieri del Nucleo Radiomobile del Comando Provinciale di Bari che li hanno scoperti e arrestati

I militari, impegnati in un servizio di controllo, si sono insospettiti dal numero di cellulari di ultima generazione che stavano acquistando: i sospetti si sono rivelati fondati quando, trovandosi di fronte a due soggetti con accento partenopeo ed una delle due carte di identità intestata ad un albanese, iniziavano a maturare il dubbio che i documenti fossero falsi e che i due stessero mettendo in atto una truffa.

I carabinieri a questo punto approfondivano i controlli anche sulla transazione in atto scoprendo che i due, D.E., 22enne e T.D. 41enne, in possesso di documenti falsi, stavano truffando il rivenditore pagando 18 cellulari con un assegno circolare di 10.000 euro falso. Una volta accompagnati in caserma per i fotosegnalamenti di rito, che permettevano di risalire alla vera identità dei due, uno di questi risultava inoltre gravato dalla misura di prevenzione dell’avviso orale.

Per i due si sono aperte le porte del carcere in attesa dell’udienza di convalida e giudizio nei loro confronti.