21.8 C
Napoli
domenica, Agosto 14, 2022
- Pubblicità -
- Pubblicità -

Scopre la nipotina appartata con un 17enne, lite finisce in sparatoria: 2 feriti


Una lite fra famiglie è finita in una spaventosa sparatoria nella quale sono stati feriti padre e figlio. Ieri mattina in una azienda agricola in via Piersanti Mattarella nella periferia di Belmonte Mezzagno, un 52 anni è stato fermato per “detenzione illegale di un arma clandestina e munizionamento”.

Come riporta il Giornale di Sicilia da una prima ricostruzione sembra che una coppietta di ragazzini si fosse appartata ma stati sorpresi dallo zio della ragazza. Da qui è nata la lite familiare, infatti, il giovane ha chiesto l’aiuto del padre e sarebbero intervenuti anche altri familiari.

Dalle offese verbali si è passati, dunque, alla violenza. Uno degli zii avrebbe estratto fuori un’arma, una pistola con matricola abrasa con dieci proiettili, calibro 22. Dall’arma sarebbero partiti alcuni colpi che hanno ferito il ragazzo e il padre di quest’ultimo.

Sulle cause della rissa e sulle responsabilità stanno indagando i carabinieri avvertiti dai sanitari dell’ospedale Civico di Palermo, dove i due feriti colpiti nel corso della sparatoria si sono recati per essere medicati, le loro condizioni non sono gravi. Presenti sul posto i carabinieri della compagnia di Misilmeri che stanno indagando per fare luce sull’accaduto.

FOLLE SPARATORIA, LE CONDIZIONI DEL 17ENNE

Si sono aggravate le condizioni del 17enne ferito con colpi di pistola durante una lite tra due famiglie. Il giovane secondo una prima ricostruzione avrebbe picchiato lo zio e il padre della ragazza. Durante la discussione il ragazza e suo padre sono stati feriti con colpi di arma da fuoco. Il giovane è stato colpito al braccio, alla gamba e alla testa di striscio. Proprio la ferita alla testa ha reso necessario nella notte il ricovero nel reparto di Rianimazione all’ospedale Civico di Palermo con la prognosi riservata. Non è in pericolo di vita il 44enne ferito alla gamba da un proiettile di rimbalzo.

Il 52enne, fratello del padre della ragazza, è stato fermato per detenzione illegale di un’arma clandestina e munizionamento per il ritrovamento, fatto dai carabinieri, di una pistola calibro 22 e di 10 proiettili di cui stava cercando di liberarsene. L’arma è stata inviata al laboratorio di investigazioni scientifiche per i test balistici, intanto, le indagini sono coordinate dalla procura di Termini Imerese.

 

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.

- Pubblicità -
- Pubblicità -spot_img

Ultime Notizie

Covid in Campania, decessi in calo e oltre 2mila positivi: il bollettino

Diminuiscono i morti, due nelle ultime 48 ore, e un altro deceduto in precedenza ma registrato ieri, più o...
- Pubblicità -

Nella stessa categoria